FACE Festival

Il giardino diffuso della biodiversità in Calabria

KEPOS, il giardino delle meraviglie è un progetto multimediale per mettere in rete orti e giardini, diffusi sul territorio calabrese, dove sono presenti piante rare, alberi da frutto dimenticati e varietà vegetali a forte rischio di estinzione.

Nasce così l’idea di perseguire il sogno del prof. Orlando Sculli e del compianto antropologo prof. Domenico Raso, che circa 20 anni fa immaginavano di raccogliere in un campo le specie rare in via d’estinzione sul territorio calabrese.

Il progetto si pone come primo obiettivo la realizzazione di un portale web informativo, una digital library finalizzata alla catalogazione delle diverse specie, per la conoscenza e la diffusione della diversità biologica.

L’idea di fondo è creare un network, un sistema virtuoso e interattivo per la salvaguardia del patrimonio vegetale, attraverso una rete partecipata di diversi soggetti partner solidali, che possa permettere a chiunque di conoscere e segnalare uno spazio verde, un campo, una pianta o mettere a disposizione dei semi, in un’ottica orientata al recupero della sostenibilità ambientale.

Grazie alle nuove tecnologie e ai sistemi di geolocalizzazione, è possibile oggi riunire i diversi campi sparsi sul territorio fino alla riuscita di unico e innovativo giardino diffuso della biodiversità in Calabria.

Tra le finalità vi è inoltre quella di sensibilizzare istituzioni e scuole verso una maggiore attenzione al ricco patrimonio botanico per un coinvolgimento attivo al fine di trasformare i propri spazi verdi, a volte dismessi o poco curati, in piccoli campi di conservazione o orti didattici che possano ospitare piante autoctone dimenticate e contribuire così alla valorizzazione di questo importante bene comune.

Approfondisci

STORIE

Il paesaggio calabrese nei vari periodi storici


I normanno-svevi

Dopo la conquista araba della Sicilia, nel X secolo le scorrerie dei saraceni cominciarono a funestare l’Italia meridionale, per cui i bizantini e i principi longobardi della Campania si servirono d...

Calabria Bizantina

Nel V sec. d.C., i barbari dilagarono nella parte occidentale dell’impero romano e i visigoti, guidati da Alarico, dopo aver saccheggiato Roma, raggiunsero, attraverso la via Annia-Popilia, lo stret...

I romani nel Bruzio (Calabria)

Già alla fine del VI sec. a.C. iniziarono le guerre per l’egemonia fra le città greche, con la distruzione di Sibari da parte di Crotone, la guerra tra Locri e Crotone e le crisi ricorrenti tra Lo...

PARTNER